Categorie
Senza categoria

Pompei

Si sciolgono i palazzi dedicati alla memoria Fuggono i ricordi tra le vie del paese Come lava carbonizzano ogni cosa attraversi il loro cammino. Rimane così questa città: tutti i sopravvissuti sono fuggiti, quelli che rimangono sono cenere diffusa nell’aria. Scappare, ricordare, essere torce, sfavillare nell’aria: sono quel tipico esempio di persona arsa viva.

Categorie
Senza categoria

Fioritura.

Si impastano le mani, come pani lievi, come tortore sul selciato, terribile errore pensare che non possano dire le stesse cose di una bocca corrucciata, sanno ordire trame, aspettare anni, sanno danzare nell’aria come boccioli di rosa fioriti a marzo, errore su errore non pensare alle cose impossibili, ai cigni neri, all’improbabilità. Ho smesso di […]

Categorie
Senza categoria

Neve

È semplicemente accaduto quello che temevo accadesse: un totale crollo. Prima sono crollati i muri di casa, l’intonaco all’inizio si staccava a morsi, raschiato dal dolore e dalla perdita. Man mano la polvere veniva giù come fossimo all’interno dell’inverno inoltrato, a fiotti, a fiocchi, si scusate intendevo quello, mica altro. Poi qualche granello, poi mattoni […]

Categorie
Senza categoria

Rivolta

Ci sono foglie di menta selvatica Che solleticano il mio cammino su questo piccolo percorso che si ferma proprio qui. La bocca di leone delicatamente ruggisce e mi porta ai giorni più vispi e colorati Quelli dell’infanzia ribelle, di un’adolescenza docile e di una maturità di rivolta. Non pensate alle bombe importanti, quegli accadimenti che […]

Categorie
Senza categoria

Iris

Ti cerco con gli occhi fissi verso il cielo, verso l’erba. Rubi il colore al glicine, alle nuvole, agli occhi. Era un pomeriggio in cui ti sei confuso con la luce dorata, ti ho visto: splendevi. Ricordo la solitaria spaiata felicità, le foglie dritte come spade. La volontà di essere dipinto da chi ha capito […]

Categorie
Senza categoria

Raccoglimento

Resti come un ricordo rappreso Immacolato come una perla Ruvido come lacrima Appesa ai miei occhi. Pungono le rose Non desiderose Di farsi cogliere. Come me pungono, Come me piangono La mattina presto Quando nessuno le vede.

Categorie
Senza categoria

Ipersensibilità

Soffia la brezza sui chicchi di sabbia, soffia il vento sui corpi adagiati sulla spiaggia o tra i campi di grano, rifletto su ogni passaggio del tempo, o delle cose che accadono. Sento il peso del volo di un albatros, il peso della leggerezza, il peso di una piuma. Le travature che sostengono il cielo […]

Categorie
Senza categoria

Il mare

È così che si risolve ogni cosa, ogni disputa. La vita è un flusso costante di contraddizioni, di lotte, di calamità. Tutto si rivolge all’io imperante, tutto è connesso a come ci si sente. Tutto è visione, tutto è uno sguardo. È logico pensare che nulla veramente ci appartiene tranne le etichette di possesso che […]

Categorie
Senza categoria

Papavero

Sono nata Tra i germogli di aprile Tra i soffi di gentile vento E di rude brezza. Nascosta Tra impervie viottole Tra le scaglie di asfalto Tra gli sbuffi di pozzanghere. Cammina la gente A fianco Tristemente saluta, nessuno coglie l’ironia del sole tra il pianto. Non conto i pomeriggi Ispessiti dalla burrasca Dal vento […]

Categorie
Senza categoria

La luna e l’alba

Mi sembra così superfluo, un contorno, una cornice. Lo stato di solitudine delle persone, invece, è concreto, solido. La solitudine è uno specchio che riflette quello che si è, anche la cattiva compagnia a volte. È tutta questione di un’anti-proiezione, ciò che io vedo di fronte a me ritorna a me. Quello che io sento […]

Categorie
Senza categoria

Coraggio

Risiede nel cuore il coraggio, risiede nel sentimento, nell’emozione. Si risveglia nelle decisioni, nello scindere il giusto dall’avvantaggiarsi, il cuore è anche dove ci sono persone che hanno bisogno di essere comprese. Ritengo che non ci sia cultura sufficientemente ampia se non è guidata dal coraggio dell’intelligenza e dall’amore per la vita. Possiamo conoscere a […]

Categorie
Senza categoria

La luna e il lago

come mutatra le spire del serpenterimani tuammutolito, attonito,silenzioso. rimani fragoroso tra le mie orecchierimbombi il suono dell’assenza,ricordo di millenni fa. tacito accordodi non dire, di sentire soltantoil silenzio dell’altro,non rimangono parole non dettesolo concetti, solo idee. lascio la lunariflettersi taglientesulla lama dell’orizzonte.