Nuvole

Taglia a metà il cielo d’aprile
questa nuvola.
Mi chiedo se non sia soltanto
una brusca chiusura del cielo,
chiusura alla pioggia.

Allora apriti sole
schiudi il tuo potente raggio,
illuminami.

Annunci

Trasparenze

Che strano, trasparenze delicate si intrecciano tra le nervature della mia mano,
mi confondo con l’aria circostante, mi sciolgo nella luce
persevero di vita,
m’infiltro tra i piccoli corpuscoli che a volte vedi volteggiare.
Si ferma quell’attimo silenzioso
si ferma il sorriso
si ferma il volto serioso.
Accade in un momento di inconsapevolezza piena
che tutto esploda di luce
che invada la via
la strada, l’asfalto e rimbalzi nei lampioni la notte.
Ritorni, poi timido, nel sorriso del sole d’aurora.

Non dimentico un sol giorno
che mai manchi quando io stanca appoggio il viso sconsolato.

Tramonto #2

Le nubi appoggiate, serene, non soltanto d’estate
son cariche di speranza.
Predicono solerti:
sta arrivando primavera, ne siamo certi!
La luce mi punge gli occhi abituati a questo buio oltremare.
Scappano le lucertole appoggiate al sole,
vibrano le ali delle libellule nell’aria sincera.
Scopro, soltanto questa sera,
che non c’è bisogno di una lanterna che m’illumini la strada:
infuocato il cielo, d’oro le case.

Oceano

che l’oceano si sciolga
andatevene conchiglie spezzate,
andatevene a rompere l’acqua di tempesta.
andatevene a sciogliere i lacci delle meduse malate.
andatevene a tagliare i granelli di diamante.
sappiate ricomporvi a ricordare
com’erano i ricordi di una perla generatrice.
che sia la matrice, che sia la madre
che sia schiuma, che sia mare.
che l’oceano ora si riappacifichi
che l’oceano si unisca
che s’affretti a naufragare
le alghe gentili
che s’affretti a scivolare
tra le languide onde.
scorgo all’orizzonte un oceano
di bellezza pronta
ad essere vista,
che sia il sole, che sia il cielo
che sia il vento, che sia la terra.

un fiore, d’improvviso, piange.